30\Giuseppe Dossetti

Giurista, professore universitario, partigiano, uomo politico, sacerdote, monaco in Palestina.

Giuseppe Dossetti, nato il 13 febbraio del 1913, è una delle figure più importanti e discusse della politica italiana del secondo dopoguerra.

Acuto e intransigente, è protagonista di primo piano nei lavori della Costituente, deputato nel primo parlamento, vicepresidente della Democrazia Cristiana di De Gasperi; nel 1950 si dimette dal partito, dal parlamento, dall’insegnamento universitario. Dotato di una profonda spiritualità, crede in una democrazia “sostanziale”.

Personalmente apprezzato da compagni di partito e avversari politici, da entrambe le parti “il professorino” viene accusato di radicalismo e intransigenza politica.

Prende i voti e, nel 1960, lavora alla preparazione del Concilio Vaticano II, suggerendo un radicale rinnovamento della Chiesa.

 

“Dossetti era un magnifico rompiballe, che ancora oggi interroga le coscienze.”, Roberto Di Giovan Paolo