61\Jesse Owens

Alle Olimpiadi di Berlino del 1936, un atleta nero, un afroamericano di nome Jesse Owens, ha dimostrato con i fatti l’insensatezza delle teorie naziste sulla superiorità della razza ariana.

Owens, nato in Alabama il 12 settembre 1913, in quella olimpiade non si limitò a vincere una sola gara, fece molto di più: ne vinse addirittura quattro (100 metri, 200 metri, salto in lungo e staffetta 4 x 100) stabilendo un record di medaglie d’oro olimpiche vinte nell’atletica leggera, ancora oggi imbattuto.

A queste quattro medaglie se ne è aggiunta una quinta: la Medaglia presidenziale della libertà, il massimo titolo per un civile americano.

Conferitagli nel 1976 dal suo coetaneo (sono entrambi nati nel 1913) presidente degli Stati Uniti, Gerald Ford. Il riconoscimento celebra la storia di questo atleta di umilissime origini che è diventato una leggenda.

 

“Il miracolo non è essere giunto al traguardo, ma aver avuto il coraggio di partire.”
Jesse Owens