79\Le Sacre du printemps

Debutta nel 1913, a Parigi, il balletto “Le sacre du printemps” con le coreografie di Vaslav Nijinsky e le musiche di Igor Stravinskij.
Non si tratta di un racconto in musica, ma di un’esplosione di note e di passi di danza non codificati.

La trama è semplice, una giovane ragazza, dopo aver ballato tutta la notte, verrà sacrificata per ottenere il favore degli dei. Il debutto non replica lo straordinario successo dei due balletti precedenti del musicista russo, “ L’uccello di fuoco” e “Petrouska.”
Anzi, fu uno dei più clamorosi fiaschi della storia del balletto. Il pubblico parigino alla prima rappresentazione non capisce le dissonanze, la ritmica dominante e i movimenti apparentemente scomposti dei ballerini.

Ma, con quelle scene ricche di violenza e di energia, nasce la danza moderna.

 

In “Fantasia” di Walt Disney, in uno dei movimenti la musica è parte di “La sagra della primavera”.