88\Torre rossa

Giorgio de Chirico, pittore italiano nato in Grecia, nel 1913 è a Parigi.

Ha 25 anni, ha vissuto e studiato ad Atene, poi a Monaco di Baviera; passando per Milano, Firenze e Torino si stabilisce nella capitale francese. Qui i ricordi, le nostalgie, le emozioni si mescolano con i sogni.

De Chirico dà inizio alla serie delle metafisiche “piazze d’Italia”, una specie di diario dei sogni che contiene frammenti di vita vissuta.
La “Torre rossa” è un dipinto a olio di uno scorcio di una piazza immaginaria con i portici ai lati, una torre centrale a chiudere la prospettiva e un monumento equestre su piedistallo.

E’ uno dei primi quadri che De Chirico riesce a vendere sul mercato. Oggi fa parte della Collezione Gugghenheim di Venezia.

 

“Un’opera d’arte per divenire immortale deve sempre superare i limiti dell’umano senza preoccuparsi né del buon senso né della logica.”
Giorgio de Chirico